Google Workspace For Education Fundamentals: cosa cambia rispetto alla Google Suite

Dal 18 febbraio, G Suite For Education ufficialmente non esiste più. «Ha solo cambiato nome!», si potrebbe esclamare, ma in realtà sono tante le novità che porteranno Google Workspace For Education Fundamentals (nella versione gratuita per le scuole) ad affrancarsi totalmente dalla “vecchia” G Suite.

Google Workspace For Education Fundamentals

Immagine presa da Pixabay (autore).

Inizialmente, non doveva cambiare nulla. Poi sì, poi di nuovo no. Ma in realtà, a partire dal 14 aprile, la nuova versione gratuita di tools Google per gli istituti scolastici, Google Workspace for Education Fundamentals, cambierà totalmente “pelle” per soppiantare la G Suite for Education. E la novità più importante riguarderà lo spazio di archiviazione. Ma procediamo con ordine.

A metà aprile di quest’anno, saranno attive solo le quattro versioni di Google Workspace For Education annunciate durante l’evento Learning With Google del 18 febbraio:

  • Google Workspace For Education Fundamentals;
  • Google Workspace For Education Standard, con funzioni di sicurezza e controllo più avanzate;
  • Google Workspace For Education with Teaching and Learning Upgrade con funzioni più avanzate per tutti gli strumenti di Google For Education (soprattutto per Classroom e Meet);
  • Google Workspace For Education Plus, che coincide con la ex Google Suite For Education Enterprise.

Le varie versioni sono state create per andare incontro alle esigenze delle scuole che hanno chiesto di poter acquistare soltanto alcune funzioni di quella che una volta era la versione Enterprise (oggi Plus), come ad esempio, le funzioni avanzate di Meet e Classroom (Teaching and Learning Update) oppure gli strumenti di controllo avanzato per gli amministratori (versione Standard).

Google Workspace For Education Fundamentals: tutte le novità in atto e quelle che arriveranno nei prossimi mesi

Abbiamo detto che la novità principale riguarderà lo spazio. Infatti sul nostro Google Drive non avremo più il famoso spazio illimitato della G Suite For Education, ma uno spazio di limitato di 100TB. Stiamo parlando di 100.000GB. Sono già tantissimi per me che sono uno “smanettone”! Consideriamo, ad esempio, la mia esperienza concreta: in tre anni di servizio, ho immagazzinato poco più di 15GB di spazio, tra video-tutorial, video-lezioni, tutorial grafici, immagini, presentazioni… Insomma, continueremo ad averne di spazio per concretizzare la nostra creatività!

Ad ogni modo, a partire da marzo e fino alla fine di quest’anno, le novità non mancheranno neanche per la versione gratuita, Google Workspace For Education Fundamentals. Eccone alcune, veramente significative (disposte in ordine cronologico di implementazione):

  • caricamento diretto degli alunni di una Classroom in una classe CS First (novità già attiva);
  • chiusura della chiamata e disattivazione dei microfoni per tutti i partecipanti su Google Meet (novità già attive);
  • verifica di audio e video prima di partecipare a una video-conferenza con Meet (novità già attiva);
  • formattazione del testo nei post di Classroom (marzo 2021);
  • nuovi strumenti a livello di Admin Console per rendere ancora più sicure le nostre video-chiamate con Google Meet (marzo 2021);
  • Meet più sicuro se attivato da Classroom (nelle prossime settimane, gli studenti non potranno partecipare prima dell’insegnante, solo gli alunni della Classroom potranno accedere, potranno essere presenti degli insegnanti co-moderatori…);
  • accesso ai log di controllo di Classroom da parte degli amministratori (marzo 2021);
  • blocco audio su Google Meet (aprile 2021);
  • monitoraggio del coinvolgimento degli studenti nei corsi di Classroom (entro fine 2021);
  • cronologia delle versioni su Jamboard (entro fine 2021);
  • salvataggio dei progressi sui Moduli Google, con la possibilità di riprendere l’attività dall’ultimo salvataggio (entro fine 2021);
  • interazione tramite emoji su Google Meet (entro fine 2021).

Le novità per Google Workspace For Education Fundamentals non mancheranno nemmeno per la fruizione dei tools direttamente da dispositivi mobili:

  • controlli dell’organizzatore delle video-conferenze di Google Meet anche su dispositivi mobili (nelle prossime settimane);
  • Classroom offline per gli studenti con connettività limitata (inizialmente solo per Android, lancio a fine 2021);
  • invio di feedback e correzioni su Classroom via smartphone facilitati (inizialmente solo per Android, lancio a fine 2021);
  • creazione allegato e invio foto su Classroom migliorati per gli studenti (inizialmente solo per Android, lancio a fine 2021);
  • statistiche di interazione su Classroom degli studenti (inizialmente solo per Android, lancio a fine 2021).

Qui per approfondire tutte le novità su Google Meet che saranno implementate entro il 2021. Per dare invece un’occhiata alle altre versioni di Google Workspace For Education, ecco un articolo dedicato.

Quanto hai trovato interessante questo articolo?
5/5

Leave a Comment